> Cerca la casa più adatta a te.

Prezzo
a
Mq
a
Rif.

In Vendita

In Affitto

Nuova Costruzione

News Immobiliare




25-09-2015
TASSE Boschi: le risorse per il taglio dell'Imu ci sono
TASSE Boschi: le risorse per il taglio dell'Imu ci sono
Riducendo l’inefficienza della spesa pubblica e grazie alle riforme oggi è possibile mettere in campo un piano per la riduzione della pressione fiscale. "A dicembre pagheremo per ultima volta la tassa sulla casa. Da gennaio non ci saranno più l'Imu e la Tasi. Le risorse per coprire il taglio delle tasse ci sono, come ha detto anche ieri Padoan e saranno presentate nella legge di Stabilità a ottobre". Lo ha ribadito questa mattina il ministro per le Riforme, Maria Elena Boschi, intervistata da Unomattina. "Si è finalmente capito che la pressione fiscale sugli immobili ha depresso non solo il mercato ma anche l'economia in generale. Se il valore dei risparmi delle famiglie diminuisce, cadono anche i consumi". Giorgio Spaziani Testa, presidente di Confedilizia, dalle colonne del Corriere della Sera sostiene come abolire Tasi e Imu sull'abitazione principale sarebbe un importante segnale di inversione di tendenza nella politica sulla casa. E spiega perché tributi vanno aboliti anche alle case di lusso: "L'attuale classificazione catastale si presta ad arbitri per cui quello che è di lusso in un comune in un altro non lo è e viceversa. Le case A1 in Italia sono circa 36 mila, di queste oltre quattromila sono a Genova città. Le pare possibile?". E per gli immobili locati "il passaggio da Ici a Imu e Tasi ha quadruplicalo il prelievo patrimoniale per il locatore e ha fatto fuggire gli investitori. Sugli immobili da investimento una riduzione della pressione fiscale avrebbe un effetto sul mercato molto più accentuala di quella che si registrerebbe per l'uso diretto. Ma per rivitalizzare gli investimenti si possono fare anche riforme che non costano. I contratti di locazione degli immobili non abitativi sono regolali ancora dal vecchio equo canone e presentano rigidità che non hanno più senso, ormai sono le associazioni dei commercianti a chiederci di fare contratti che deroghino alla legge: la durata minima è un problema non solo per il proprietario di un negozio ma anche per l'inquilino".